sabato 29 dicembre 2012

Chicago, IL.

Heyyyyy sono viva! Dunque ho un sacco di cose da raccontare! Eravamo rimasti a Indy..dunque a Chicago ci siamo arrivati più o meno alle 10 di sera di due giorni fa, lo stesso giorno di Indianapolis in pratica. Abbiamo girato un po' in macchina per il centro e poi siamo andati a letto in un Holiday Inn poco distante da downtown. La mattina dopo colazione da Starbucks e abbiamo passato tutto il giorno in giro: prima siamo saliti su uno di quei bus che ti portano in giro per la città (pieno di brasiliani a cui io tra l'altro faccio 'Hey siete italiani!!!' menomale che non mi hanno sentita); siamo scesi davanti all'hard rock, ma prima di entrarci abbiamo pranzato in un ristorante italiano chiamato 'Quartino', volevo anche andare in bagno, ma non sono riuscita perchè mi sentivo troppo osservata dalla tizia del locale la cui mansione era mostrarti in quale bagno andare, stare ferma davanti alla tua porta aspettando che tu esca, metterti il sapone sulle mani e darti la salviettina per asciugarti. Grazie per la privacy. All'hard rock cafè ho comprato una maglietta (quella semplice bianca) e basta. Ne ho tipo 15 di magliette dell'hard rock, forse ora dovrei iniziare con le felpe. Beh, poi dopo un giretto non ricordo dove siamo tornati in hotel a prendere la macchina, dovevamo ripartire subito ma ci siamo persi in discorsi sull'università e siamo usciti tipo 3 ore dopo ahaha, abbiamo fatto un giretto a piedi per la città che, credetemi, di notte è davvero spettacolare. Tutti quei grattacieli illuminati ricordano un sacco New York (beh che in America le città sono tutte uguali, grattacieli e basta!). La cosa che mi ha colpito di più è stato un mini faló attorno al quale i piccioni andavano a riscaldarsi! Troppo teneri! Invece oggi ho visto l'Aliiii dopo 4 mesi!!!! Allora narriamo per bene, sveglia alle 9, mi sono preparata ascoltando le canzoni di quest'estate tipo 'Balada', giusto per ricordarmi ancora di Lorenzo (e di quei bei tempi in cui le mie gambe non assomigliavano ancora a quelle di Tanisha di 'Teenagers XXL'). Poco prima delle 11 noi eravamo già alla mall a fare colazione quando lei mi scrive 'siamo arrivate' allora le ho detto che eravamo al bar con le sedie arancioni e che doveva scendere le scale mobili per arrivare, quindi mia mamma si è messa a ripredere col mio iphone lei che scendeva e il nostro abbraccio! Io ho QUASI pianto, quasi lol. Cioè comunque rivedere dopo 4 mesi una tua amica italiana è strano ma bellissimo, peró, come è successo con mia mamma del resto, non mi sembrava di non vederla da così tanto tempo, ci siamo messe a parlare come se ci fossimo lasciate il giorno prima (beh che passo le mie giornate a parlare con lei su fb, peró va beh.) La sua hostfamily è...boh diciamo che preferisco la mia, ecco. La mia è la migliore di tutte :D Ha una mamma piuttosto normale, una sorella 14enne che non sorride mai, e una 11enne che con -2 va in giro in felpa. Mia mamma ha dettto ala sua hostmom di separarci quindi siamo state sole fino alle 15, abbiamo parlato principalmente di cosa significhi stare qui, le ho detto che io lo rifarei 100 volte nonostante tutte le difficoltà, che sto sperimentando un sacco di cose che in Italia mi sognerei, che se dovessi fare un paragone tra le cose brutte e quelle belle non ci sarebbe l'ombra di dubbio, la seconda lista sarebbe più lunga. Poi beh lei è arrivata l'altro ieri, è normale che debba un attimo abituarsi! Beh tutte ste robe le scriverà lei nel suo blog, non le devo dire io. Alle 3 alla fine ci siamo separate, lei è andata con la sua famiglia a comprarsi la sim americana, mentre noi siamo partiti per Detroit. MA MAI ARRIVATI. Ebbene sì, per strada ci siamo ritrovati nel bel mezzo di una bufera di neve, quindi abbiamo dovuto fermarci in un paesino sperduto nel Michigan (credo si chiami tipo Benton), abbiamo trovato una sottospecie di hotel in cui c'è la gente più strana che si possa vedere. Cioè fate conto che per ora nella hall sono passati un'obesa in carrozzina che non si riesce ad alzare a causa del suo peso (che cosa triste), un'altra obesa che girava in costume per l'hotel con un neonato in braccio, una vecchia con addosso una toga nera a mo' di strega di Biancaneve, una ragazza in pigiama, un palestrato in piscina, e una specie di gnomo scalzo nel corridoio. Va bene...beh, abbiamo cenato in questo posticino tipico americano, abbiamo preso le costolette di maiale e le alette di pollo, dio mio che buone! Volevo andare da Walmart, ma per terra non si vede più la strada, c'è solo un'enorme lastra di ghiaccio, infatti le macchine vanno pianissimo. Non so domani mattina cosa faremo. Vediamo com'è il tempo! Okay ho finito con i miei racconti, ho solo una novità, oggi per qualche strano motivo Whatsapp era gratis sull'iphone, quindi sono riuscita a scaricarlo! :D finalmente ho di nuovo quella fantastica icona verde, che meraviglia! Ergo, amici e parenti, questo è il mio numero americano 4129732103, quello italiano su whatsapp non va più, dovete usare questo:) okay ora posso andarmene, ciaoo a tutti! :)
Ps: sul blog dell'Ali c'e' il video del nostro incontro e alcune foto :)

2 commenti:

  1. GNOMO SCALZO ahahhahahahahahahhahahah
    Comunque ho visto una piccola lacrimuccia marti OHH SI.
    Io ero persino troppo scioccata per piangere ahahhahahaha

    RispondiElimina
  2. Lol avevo solo gli occhi lucidi !

    RispondiElimina